Accolta la richiesta di Confartigianato: via libera all’erogazione in tre mesi del credito IVA anche per le imprese del settore edile, dei servizi di pulizia, demolizione, installazione e completamento di edifici assoggettate al meccanismo del “reverse charge” (inversione contabile) dal 1° gennaio 2015. E’ quanto stabilito dal decreto del ministero dell'Economia e delle Finanze del 29 aprile scorso e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 13 maggio. Tale possibilità era prevista per le prestazioni...

Primo via libera alla legge sul consumo del suolo

immagine articolo.jpg

La Camera ha approvato il disegno di legge sul contenimento del consumo del suolo che passa ora all'esame del Senato. Il disegno di legge sancisce che il riuso e la rigenerazione urbana, oltre alla limitazione del consumo di suolo, costituiscono princìpi fondamentali della materia del governo del territorio. Fatte salve le previsioni di maggiore tutela delle aree inedificate introdotte dalla legislazione regionale, il consumo di suolo è consentito esclusivamente nei casi in cui non esistono alternative consistenti nel riuso delle aree già urbanizzate e nella rigenerazione delle stesse.

Data: 
13/05/2016

Chiarimenti dell’Agenzia Entrate su detrazioni del 65% e 50%

immagine 2.jpg

Con la circolare n. 18 del 6 maggio us. l’Agenzia delle Entrate ha risposto ad alcuni quesiti relativi alle spese detraibili formulati dai Caf e dagli operatori del settore, fornendo chiarimenti anche sulle agevolazioni per gli interventi di riqualificazione energetica e recupero edilizio. In particolare, un quesito posto riguarda l’applicabilità della detrazione del 65% per il risparmio energetico degli edifici anche alle spese sostenute per i sistemi di contabilizzazione del calore nei condomini. L’articolo 9, comma 5, del decreto legislativo 4 luglio 2014, n. 102, prevede infatti che, al fine di favorire il contenimento dei consumi energetici, nei condomini è

Data: 
11/05/2016

Linee guida ANAC appalti: via alle consultazioni

immagine2.jpg

Pubblicate le prime indicazioni dell’Anac sul nuovo «Codice dei contratti pubblici». Infatti, l’attuazione delle disposizioni del Codice è demandata all’emanazione di atti di indirizzo e di linee guida di carattere generale, da approvarsi con decreto del Ministro delle infrastrutture su proposta dell’Autorità nazionale anticorruzione (ANAC) e previo parere delle competenti commissioni parlamentari. Sono sette i primi documenti sottoposti a consultazione degli operatori economici e dei soggetti interessati, preliminari alla predisposizione degli atti normativi previsti dal Codice:

Data: 
04/05/2016

Nuovo codice appalti: "Passo avanti ma non basta"

immagine 2.jpg

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale entra finalmente in vigore il nuovo codice degli appalti pubblici di lavori, servizi e forniture. Il testo (dlgs. 50/2016), approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva venerdì 15 aprile, recepisce in un unico decreto le direttive europee sugli appalti e riordina la disciplina vigente in materia. Rispetto al passato non è previsto alcun regolamento di attuazione: la nuova disciplina è già legge. 

Data: 
20/04/2016

© Copyright 2013 - All Right Reserved